Product was successfully added to your shopping cart.
 

 

Gli ultimi articoli del nostro blog
  • Taurus A (M1) "scoperta" dal radiotelescopio SPIDER

    Taurus A è la radio sorgente nella costellazione del Toro che corrisponde alla Nebulosa del Granchio (M1), il resto di supernova esplosa il 4 luglio 1054 e annotata da astronomi cinesi ed arabi del tempo. Da allora la nube di gas si è espansa ed oggi è grande oltre 6 anni luce. In questo articolo vediamo come il radiotelescopio SPIDER l'ha "scoperta" catturandone le onde radio emesse e convertendole in una radio mappa, una vera e propria fotografia in onde radio di questa nebulosa. Infatti si ritiene che Taurus A emetta onde radio per radiazione di sincrotrone causata da elettroni in veloci moti a spirale attorno alle linee di campo magnetico generati dalla pulsar al suo interno. Grazie alla grande antenna e al ricevitore H142-One a 1420 MHz il radiotelescopio SPIDER è riuscito a registrarne facilmente il debole segnale e, grazie alla precisa montatura e al sistema di puntamento, ha generato una radio mappa con la stessa tecnica usata dai radio telescopi professionali.

    Continua a leggere

  • Cassiopea A registrata con il radiotelescopio SPIDER

    Cassiopea A è un resto di supernova molto importante per la radioastronomia in quanto è la più brillante radiosorgente extrasolare che si registra nel cielo quando si studiano frequenze superiori a 1 GHz. Se da un lato questa caratteristica la renderebbe alla portata anche di radiotelescopi dotati di antenne non enormi, è vero che Cassiopea A è comunque una radiosorgente relativamente debole. Infatti alla frequenza di 1,42 GHz ha un flusso di circa 2400 Jansky, decisamente meno dei circa 40000 Jansky del Sole! In questo articolo vediamo come usare radiotelescopio SPIDER e il suo software RadioUniversePRO per registrare il segnale proveniente da Cassiopea A allineando l'antenna, eliminando il segnale artificiale e registrando transiti, spettri e radio mappe. Continua a leggere

  • Esperimenti: emissione radio del Sole con i radiotelescopi SPIDER

    L'emissione radio del Sole può essere studiata utilizzando i radiotelescopi SPIDER. Infatti il Sole è una delle sorgenti radio più interessanti del cielo. La nostra stella infatti non emette solo luce visibile ma anche altre frequenze dello spettro elettromagnetico. Ad esempio, tutti riconoscono il calore dell’illuminazione solare sulla nostra pelle, espressione della radiazioni infrarossa. In questo articolo vediamo come i radiotelescopi SPIDER rilevano le onde radio in arrivo dal Sole e spieghiamo come generare transiti, radiomappe e spettri utilizzando il software di controllo RadioUniversePRO. Effettuiamo il puntamento e l'allineamento automatico sul Sole, l'individuazione e la eventuale eliminazione delle interferenze e la cattura dei diversi risultati.

    Continua a leggere