Supporto tecnico:
0434 1696106 (Lun-Ven) o e-mail
0item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Supporto tecnico:
0434 1696106 (Lun-Ven) o e-mail

Product was successfully added to your shopping cart.
  • SBIG camera ST-i a colori planetaria e guida SBIG camera ST-i a colori planetaria e guida

Spedizione gratuita in Italia

per ordini superiori ai €60

SBIG camera ST-i a colori

Codice prodotto: SBIG-STI-C

Recensisci per primo questo prodotto

Panoramica veloce

La camera SBIG ST-i a colori utilizza un sensore CCD KAI-340 ed è una delle poche camere autoguida in commercio ad avere un convertitore A/D a 16 bit. Affianca grande tecnologia meccanica ed elettronica ad un prezzo competitivo viste le sue caratteristiche. Ideale come camera planetaria anche per l'alta risoluzione, ma spesso utilizzata come autoguida, vista la sua sensibilità e il basso rumore elettronico.


Se cercate un sensore dalle alte prestazioni ma dalle dimensioni compatte, la SBIG ST-i è la camera ideale. Grande come un'oculare, può essere usata con una guida fuori asse o con un telescopio guida, è l'unica nella sua categoria ad essere dotata di un doppio otturatore, sia elettronico che meccanico.

Puoi anche comprarlo a rate:

10 rate senza costi da € 73,00 (TAN 0,30 TAEG 5,53) 24 rate mensili da € 33,50 (TAN 9,58 TAEG 12,94)

Disponibilità: Disponibile

Ordina 699,00 €
IVA 22% inclusa
se paghi con bonifico 678,03 €

Dettagli

La nuova camera SBIG ST-i monocromatica può essere utilizzata sia per riprese planetarie che come autoguida, possiede funzionalità non disponibili in altri sensori di queste dimensioni e prezzo. La ST-i ha un costo molto contenuto per un sensore con queste prestazioni. Il corpo è molto leggero, soli 62g, e le sue dimensioni sono come quelle di un oculare da circa 9cm. L'otturatore è di tipo elettromeccanico, integrato e progettato per riprendere con estrema facilità e automaticamente i dark frame. Dotata di porta USB 2.0 e porta autoguida, inoltre è disponibile un kit dedicato che trasforma la ST-i in un compatto e leggero sistema di guida.



Il sensore KODAK KAI-340 CCD - colori 

Invece di utilizzare un sensore CMOS a basso costo (con elevato rumore), la ST-i utilizza un CCD Kodak di alta qualità, a basso rumore. Il sensore CCD KAI-340 ha un rumore di lettura di soli 9e-, è lo stesso CCD utilizzato come sensore guida nelle telecamere serie STX e nelle AllSky-340. Il formato è di 640 x 480 con pixel di 7.4x7.4 micron dotata anche di anti-blooming. Il binning è disponibile con pixel da 14,8 (2x2). E' inoltre possibile variare la modalità di sub-frames, utile per ottenere una migliore messa a fuoco e un download più veloce delle immagini. Per le riprese ad alta risoluzione la modalità in piena risoluzione avrà una velocità di ripresa di circa 5 fotogrammi al secondo. Sono disponibili inoltre altri formati come, 1/2 e 1/4 di frame, disponibile anche il ROI (Region of interest) in un box da 20x20 pixel dove si possono riprendere oltre 20 fps. Kodak descrive così le prestazioni di questo sensore: "Progettato per le applicazioni di imaging piu' impegnative, questo sensore presenta caratteristiche aggiuntive come l'otturatore elettronico, efficienza quantica con picco al 55%, rumore di lettura e corrente di buio molto basse. Queste caratteristiche forniscono al sensore una sensibilita' eccezionale e lo rendono ideale per varie appicazioni come quelle scientifiche."

Otturatore elettromeccanico

L'otturatore elettronico di questo sensore consente tempi di esposizione fino a 0.001 secondi. Nella maggior parte dei sensori con queste caratteristiche e dimensioni sono disponibili solo con l'otturatore elettronico, dato che predisporre uno meccanico porterebbe le sue dimensioni e costi ad aumentare. Tuttavia nella ST-i è stato possibile incorporare anche un otturatore meccanico che permette alla camera di riprendere automaticamente i dark frames. Questa caratteristica migliora notevolmente le prestazioni della ST-i, in particolare quando viene utilizzata come autoguida. Il raffreddamento del CCD per ridurre il rumore elettronico è inutile nelle brevi esposizioni utilizzate per l'imaging planetario e l'autoguida, ma rimane la possibilità che si presentino alcuni di pixel caldi. E' quindi possibile effettuare automaticamente dei dark frame. A differenza di altre camere guida in commercio più economiche che montano un convertitore A/D a 8 o 10  bit, la ST-i utilizza un convertitore a 16 bit fornendo una gamma dinamica e risoluzione maggiore. 

Fotografia planetaria e solare

Il Software Planet Master Commander in CCDOPS viene fornito per la ripresa di immagini planetarie o solari. E' in grado di registrare una sequenza di immagini, valutarne la qualità salvando solo quelle più nitide e scartando le altre. In genere si dovrebbero riprendere esposizioni brevi, al fine di minimizzare la turbolenza e ottenere delle immagini più stabili e nitide possibili, il risultato della somma sarà un'immagine molto ben definita. Planet Master emette un segnale acustico per due volte ad ogni immagine nitida acquisita, terminata l'acquisizione premendo il tasto DONE sarà possibile visualizzare l'immagine più nitida. La finestra di dialogo mostra anche la nitidezza corrente e la migliore nitidezza in termini di FOM. Se l'oggetto è troppo luminoso, anche con brevi esposizioni, si possono trovare delle soluzioni alternative al fine di ridurre la luminosità, ad esempio utilizzando un filtro a densità neutra. Così facendo si potranno ottenere varie immagini con diverse gamma dinamica e luminosità. Il comando Grade Image By Sharpness consente di classificare le immagini già acquisite. Molti imager planetari vogliono fare una media delle loro immagini migliori. E' necessario quindi riprendere il maggior numero di immagini nel tempo più breve possibile, per poi esaminare ogni immagine e scegliere la migliore. In questo caso l'utente potrebbe preferire utilizzare la funzione di Autograb CCDOPS, questo comando infatti permette di catturare il maggior numero di immagini nel più breve periodo tempo possibile. Il software PlanetMaster può quindi essere utilizzato per esaminare automaticamente una serie di immagini e assegnare una cifra di merito per nitidezza, per poi selezionare le migliori e mediarle.

 

 

La sensibilità della camera ST-i per l'autoguida

Riprendendo un'immagine di 1 secondo di posa con un telescopio guida da 60mm, il risultato mostra numerose stelle di guida, dalle più deboli di 11° magnitudine, ma anche molte di 10° magnitudine o superiori. Il risultato potete osservarlo nell'immagine inserita sopra.



Valigia di trasporto e software

La ST-i viene consegnata in una custodia rigida imbottita, all'interno è presente un cavo USB, il cavo autoguida, e 2 CD che includono le istruzioni per l'installazione, e il software CCDOPS con PlanetMaster.

Caratteristiche tecniche

Tipo: Non cooled CCD camera
Sensore Colore
Sensore KAI 340
Risoluzione 648 x 486
Dimensioni sensore (mm) 4.8 x 3.6 mm
Diagonale sensore (mm) 6.0
Dimensioni pixels (µm) 7.4u
Convertitore A/D 16 bit
Raffreddamento No
Rumore di lettura (e-) 0.5e- @ 25C
Porta autoguida ST4 integrata
Collegamento al telescopio Portaoculari 31,8mm
Collegamento al PC USB 2.0
Alimentazione Tramite porta USB
Backfocus (mm) 13.36mm
Peso (gr.) 62

Tags prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa virgolette singole (') per frasi.

  1. Recensisci per primo questo prodotto

Scrivi la tua recensione

Come consideri questo prodotto? *

  1 stella 2 stelle 3 stelle 4 stelle 5 stelle
Vote